Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 

Fisica Nucleare e Subnucleare  

FISICA NUCLEARE

La ricerca in fisica nucleare ha come obiettivo la comprensione della ricca varietà di fenomenti esibiti dal nucleo atomico. Il gruppo di Milano compie esperimenti con fasci di nuclei radioattivi presso vari laboratori. Ha una notevole competenza nella spettroscopia gamma, ed è coinvolto nello sviluppi di rivelatori e tecniche innovative. Ha svolto un ruolo importante nella costruzione del rivelatore europeo AGATA basato sul "gamma tracking". E' anche attivo nel campo dell'astrofisica nucleare e contribuisce alla misura di sezioni d'urto di reazioni di fusione termonucleare alle energie di interesse astrofisico, con l'acceleratore sotterraneo LUNA. Il gruppo partecipa all'esperimento AEGIS al CERN, per lo studio di leggi fondamentali (Principio di Equivalenza Debole, CPT) con antimateria. (Leggi di più).

FISICA SUBNUCLEARE

La ricerca in fisica subnucleare mira alla comprensione dei costituenti elementari dell'Universo e delle loro interazioni. Il gruppo di Milano è impegnato sia negli esperimenti di fisica delle particelle eseguiti con l'uso di acceleratori sia in fisica astroparticellare.

FISICA DELLE PARTICELLE PRESSO GLI ACCELERATORI

Il gruppo di Milano è attivo sia alla frontiera dell'alta energia sia a quella dell'alta intensità. Il gruppo di Milano ha avuto, ed ha, un ruolo importante nella costruzione, nella messa a punto e nell'operatività del calorimentro e nel rivelatore a "pixels" dell'esperimento ATLAS a LHC (CERN). Il gruppo è attualmente coinvolto nell'entusiasmante ricerca del bosone di Higgs, come pure delle particelle supersimmetriche, una possibile soluzione dell'enigma della materia oscura. Il gruppo e il Centro di Calcolo INFN hanno contribuito in maniera importante allo sviluppo del calcolo GRID come pure ad altro software, e Milano ospita TIER2 per l'analisi dati di LHC. Il gruppo è anche coinvolto nella ricerca in fisica del B, sia nell'esperimento BABAR a SLAC che in superB, un progetto di un nuovo acceleratore ad alta luminosità per collisioni e+e-. (Leggi di più)

FISICA ASTROPARTICELLARE

Il gruppo di Milano ha una responsabilità rilevante nell'esperimento BOREXINO, che è un rivelatore sotterraneo massiccio costituito da uno scintillatore liquido di elevata purezza. Questo rivelatore unico viene utilizzato per misurare lo spettro dei neutrini solari a bassa energia, fornendo informazioni essenziali sulle oscillazioni del neutrino e la fisica del sole. L'esperimento ha misurato i geoneutrini per la prima volta. Il gruppo partecipa anche alla collaborazione AUGER per la misura, condotta in un sito in Argentina, di raggi cosmici ad eneregia ultra-elevata - le particelle più energetiche dell'Universo. La spiegazione della loro origine, del meccanismo col quale vangono accelerate e della loro natura, è uno dei temi più importanti della fisica astroparticellare. Il gruppo di Milano è coinvolto nella costruzione di un nuvo set di contatori di muoni per discriminare tra raggi cosmici primari di protoni e di nuclei pesanti. Il gruppo è anche coinvolto nell'esperimento ICARUS, un rivelatore di grande massa di argon liquido che opera al laboratorio sotterraneo del Gran Sasso. ICARUS sta compiendo studi di oscillazione del neutrino con il fascio di neutrini CNGS proveniente dal CERN, e nel prossimo futuro si dedicherà alla ricerca di neutrini sterili. (Leggi di più)

Torna ad inizio pagina