Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Presentata a Bruxelles la strategia europea per la fisica nucleare

La missione di NuPECC, dalla sua fondazione nel 1988, è quella di formulare consigli e raccomandazioni per la ricerca in fisica Nucleare in Europa, e a questo scopo ha elaborato nel passato quattro rapporti strategici (1991,1997,2004, e 2010). Quello elaborato nel corso di quest’anno  era quindi atteso per tener in conto dell’evoluzione della ricerca di base e applicativa in questo campo e i piani futuri.

Il processo di preparazione è stato iniziato da NuPECC nella riunione di Ottobre 2015 definendo le specifiche aree di ricerca e i gruppi di lavoro nelle tematiche di fisica adronica, fisica della materia adronica in condizioni estreme,  fisica della struttura e reazioni nucleari, astrofisica nucleare, simmetrie e interazioni fondamentali e applicazioni per il benessere della società. I gruppi di lavoro, che hanno avuto come membri un numero cospicuo di ricercatori italiani,  hanno delineato con molta cura i risultati importanti ottenuti sinora e hanno tracciato la strategia più efficace da seguire per le future attività.

La presentazione della prima bozza del documento è avvenuta in un “Town Meeting” con circa 300 partecipanti tenutosi a Darmstadt nei giorni 11 – 13 Gennaio, 2017. E’ importante sottolineare che parte del programma sono state le presentazioni delle grosse infrastrutture nel contesto Europeo e internazionale tra cui le presentazioni di NSAC (USA), ANPhA (Asia) e del  CERN. Nella riunione NuPECC tenutasi al CERN in Marzo 2017 le raccomandazioni, approvate al town meeting e con successive suggerimenti della comunità,  sono state finalizzate.

Il risultato finale è rappresentato dal volume “NuPECC Long Range Plan 2017: Perspectives for Nuclear Physics”, con le raccomandazioni per gli sviluppi futuri e contenente anche un un capitolo sulle diverse infrastrutture di diverse dimensioni ma tutte con attività che contribuiscono a una ricerca coerente rivolta a questioni fondamentali come la materia nucleare in diverse condizioni, le interazioni nucleari, e l’ origine degli elementi. Informazioni dalla fisica nucleare su questi argomenti sono molto importanti per la descrizione di fenomeni cosmologici come le stelle di neutroni e la loro evoluzione, esplosioni stellari, produzione di energia nelle stelle. Queste  problematiche sono trattate nei vari capitoli a cui si aggiunge un capitolo importante sulle varie applicazioni che necessitano di specifiche tecniche usate in fisica nucleare.

Durante l’evento è stato presentato l’obiettivo di questo lavoro e un sunto del suo contenuto dal presidente del NuPECC (Angela Bracco, professore all’Università di Milano e sezione INFN), che ha anche enfatizzato la posizione leader dell’ Europa in questo settore.  La presentazione ha anche messo in evidenza che lo sforzo collaborativo tra i vari paesi gioca un ruolo importante per mantenere e migliorare questa posizione di leadership. E’ stato anche affermato che NuPECC si aspetta che questo documento sia ben sfruttato dalle varie agenzie di finanziamento per trovare i mezzi per realizzare gli obiettivi delineati nelle raccomandazioni, in particolare quelli vanno al di là delle possibilità di un solo paese.

Tra i circa 90 partecipanti parecchie personalità di spicco in ambito INFN (tra cui il membro di giunta E. Nappi e il vicepresidente A. Masiero) il presidente di ESFRI (Giorgio Rossi dell’Università di Milano) il presidente di ESFRI-PSE (José Luis Martinez), il capo dell’unità “Research Infrastructures of the European Commission” (Ales Fiala), e il presidente di “European Physical Society” ( Rüdiger Voss) 

28 novembre 2017
Torna ad inizio pagina