Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 
Notizie  

Nuclei e pere

Esistono molti nuclei che sono sferici e molti altri che sono deformati quadrupolarmente. Hanno cioè la forma di un pallone da rugby, invece che di una palla da calcio.

L'idea che ci fosse anche un tipo di deformazione "a pera", ovvero ottupolare, esiste da tempo a livello speculativo, e già si poteva disporre di conferme parziali.

Questa comunque è una bella conferma. Ora si tratta di capire il meccanismo microscopico.In un sistema classico, come la goccia di un liquido, l'energia è minima quando la forma è sferica.Infatti la sfera è la forma che minimizza la

superficie per un dato volume, ovvero per una densità e un numero di costituenti fissato.

In un sistema quantistico, però, non è necessariamente così.

La scelta di una forma non sferica da parte di un sistema, da un lato riflette il fatto che i suoi costituenti occupano orbite quantizzate e l'energia di queste orbite può essere minore, anche se la forma non è sferica, dall'altro lato, è un bell'esempio di rottura spontanea di simmetria: l'Hamiltoniana ha simmetria sferica, ma la forma dello stato fondamentale no!

Questa è una nuova classe di rotture di simmetria, più esotica di quella quadrupolare, che almeno, a differenza di quella ottupolare, conserva la parità, ovvero l'invarianza rispetto a una inversione degli assi.Una forma esotica che ci dice che la fenomenologia nucleare è particolarmente ricca e complessa.


Gianluca Colò

Per consultare l'articolo:
http://www.nature.com/nature/journal/v497/n7448/full/nature12073.html
Torna ad inizio pagina